NUOVA SABATINI 2019

La “Nuova Sabatini” è l’agevolazione del MiSE che mette a disposizione delle aziende un contributo in conto interessi, per agevolare l’acquisto di beni strumentali.

Possono beneficiare delle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese di tutto il territorio nazionale.

Con le agevolazioni previste da questa misura, il Ministero dello Sviluppo Economico intende:

  • accrescere la competitività del sistema produttivo del Paese;
  • migliorare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese

Con la Nuova Sabatini è possibile finanziare l’acquisto di (o prendere in leasing) macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo, hardware, software e tecnologie digitali. 

Non per tutte le tipologie di beni, ma soltanto quelli che possono considerarsi strumentali per il funzionamento dell’azienda. 

Le uniche attività escluse dalla partecipazione sono quelle finanziarie e assicurative, e le attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione.

Grazie al Decreto Crescita, entrato in vigore il 1° maggio, è stato aumentato da 2 a 4 milioni di euro l’importo dei finanziamenti concedibili a ciascun impresa.

In particolare è stato disposto il rifinanziamento della misura agevolativa per periodo 2019-2024 con i seguenti importi:

  • 48 milioni di euro per il 2019;
  • 96 milioni di euro per ciascuno degli anni dal 2020 al 2023;
  • 48 milioni di euro per il 2024.

Il finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere:

  • di durata non superiore a 5 anni;
  • di importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro;
  • interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili.

Questo contributo è pari all’ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2.75% annuo per gli investimenti ordinari, e del 3.575% per gli investimenti legati a Industria 4.0.